News

La storia di Jack Ma, un miliardario sparito nel nulla 

EC
Elisa Campaci

7 min

La storia di Jack Ma, fondatore di Alibaba, fino alla scomparsa e al crollo del patrimonio

Che fine ha fatto il fondatore di Alibaba? Jack Ma ha creato un impero tech per poi sparire nel nulla. Ecco la sua storia!

Nel 2020 Jack Ma, fondatore di Alibaba nonché l’uomo più ricco e influente della Cina stando ai dati sul suo patrimonio dell’epoca, pronuncia un discorso al Bund Finance Summit di Shanghai sulle urgenti sfide di innovazione che il paese deve affrontare. Lui è l’imprenditore che ha portato la Cina ad essere competitiva nel mercato di internet. In vent’anni Alibaba diventa una multinazionale che gestisce e-commerce, piattaforme per i pagamenti elettronici, servizi di cloud computing e motori di ricerca. Facendo tremare colossi come Amazon e eBay. Dopo quel discorso del 24 Ottobre 2020, Jack Ma sparisce all’improvviso. Di lui si perdono le tracce e non si hanno più notizie per molto tempo. Cosa è successo? Perché è scomparso proprio dopo quel discorso? Dov’è oggi?

Chi è Jack Ma, il fondatore di Alibaba? 

Jack Ma, il cui nome in cinese è Ma Youn, nasce nel 1964 a Hangzhou. Dopo la visita dell’allora presidente degli Stati Uniti, Richard Nixon, la città diventa una meta turistica. Accompagnando i visitatori alla scoperta di Hangzhou, Ma Youn impara bene l’inglese. E uno di questi turisti americani con cui fa amicizia, gli affibbia il soprannome “Jack”. 

Prima di diventare un modello aspirazionale, l’uomo dal patrimonio smisurato che sfida il potere governativo con le sue innovazioni forse troppo audaci, Jack Ma è stato un’insegnante. Nel 1988 si laurea all’Università di Hangzhou e inizia la sua carriera da professore di inglese. Una delle sue frasi più citate racconta come abbia sempre mantenuto, anche dopo aver cambiato lavoro, la sua vocazione all’insegnamento e l’attenzione alle nuove generazioni: “un insegnante vuole sempre che i suoi studenti abbiano successo e siano migliori di lui. Quando assumo qualcuno, voglio sempre persone più brillanti di me. Do un consiglio ai miei colleghi: (al colloquio) guarda quel giovane uomo, se pensi che potrà diventare il tuo capo nel giro di 5 anni, allora assumilo”. 

Durante un viaggio negli Stati Uniti del 1995, Jack Ma si collega per la prima volta ad internet rimanendone affascinato. La prima cosa che ricerca online è la parola “birra”. Dai risultati di ricerca nota che compaiono solo risultati di birre americane o tedesche ma nessuna birra cinese. In altre parole si accorge che la Cina non aveva nessuno spazio sul web. Decide allora di tornare in patria e fondare una società per realizzare siti web, nasce China Yellow Pages. Più tardi nel 1999 insieme a una quindicina di amici e alla moglie Zhang Ying, fonda Alibaba investendo 20.000 dollari. Jack Ma ha un obiettivo preciso e si dedica a questo progetto con tutte le sue forze, anche senza avere nessuna competenza informatica: “dopo una notte passata a pensare, mi sono detto che volevo ancora lanciare il mio business su internet. La maggior parte delle persone ha idee fantasiose di sera, ma, quando si sveglia, torna a fare lo stesso lavoro di sempre. Dovevamo fare qualcosa di diverso”.

Con la crescita dell’impero di e-commerce, aumenta anche il successo legato alla figura dell’imprenditore. Nel 2021 gli dedicano un documentario “Crocodile in the Yangtze” e lui stesso nel 2017 recita in un cortometraggio sul kung fu “Gong Shou Dao”. Il titolo tradotto significa “l’arte dell’attacco e della difesa” e l’imprenditore interpreta il Maestro Ma. 

Jack Ma duetta con la famosa pop star Wang Fei, vende il suo primo dipinto a 5,4 milioni durante un’asta di Sotheby’s e crea la Jack Ma Foundation con scopi filantropici, principalmente per finanziare l’istruzione. Quando una rock star come questa, con tutta la sua visibilità, sparisce nel nulla, non possono che diffondersi teorie che cercano di interpretare il mistero. 

L’azienda tech più grande della Cina

Essere l’azienda tech più imponente della Cina, significa avere anche un certo spazio su scala globale. Alibaba ora ha diversi rami, ci sono piattaforme e-commerce: AliExpress e Taobao (la più utilizzata della Cina) e servizi di pagamento digitali: Alipay. Tutti utilizzati da un miliardo di persone. L’azienda è uno dei pilastri dell’industria cinese di internet, insieme a Tencent e Ant Group. Tencent è un’azienda con sede a Shenzhen che opera nel settore dei servizi internet, dei videogiochi e dei media, nota per WeChat l’app di messaggistica più utilizzata nel paese. Ant Group invece è la filiale finanziaria di Alibaba, che si concentra sui servizi finanziari e di pagamento. 

Ciascuna azienda ha una capitalizzazione di mercato di oltre mezzo trilione di dollari e ha investito miliardi nelle startup tecnologiche cinesi. Queste tre società insieme costituiscono quasi un monopolio e dal momento che due di queste sono legate a Jack Ma e al suo patrimonio, non sorprende che sia diventato un personaggio scomodo. 

Il discorso che ha fatto infuriare il governo

Il 24 Ottobre 2020 Jack Ma pronuncia quel famoso discorso in cui lancia delle frecciatine al governo e alle sue politiche finanziarie così come alle banche, che secondo lui “continuano ad avere una mentalità da banco dei pegni”. Nella sua opinione, questa mentalità frena l’innovazione e va a discapito degli imprenditori. All’epoca Reuters ha riferito che alcuni collaboratori di Ma avevano provato a fargli alleggerire i toni, dal momento che tra il pubblico del summit erano presenti diversi funzionari governativi, ma che lui si era rifiutato di cedere. Il discorso è stato definito da molti  “un pugno in faccia”. 

Da quel momento Jack Ma non è più stato visto in pubblico. Ma le conseguenze non si sono limitate a questo. Pare che il discorso abbia spinto Xi Jinping, il presidente della Repubblica Popolare Cinese, a intervenire e a bloccare l’IPO (Offerta Pubblica Iniziale) di Ant Group prevista da lì a pochi giorni sulla Borsa di Shanghai. All’ultimo momento infatti le autorità cinesi hanno tirato in ballo “gravi problemi” sulla regolamentazione dell’azienda. Quella di Ant Group sarebbe stata una delle più grandi IPO della storia, che avrebbe raccolto una stima di 30 miliardi di dollari. 

La scomparsa di Jack Ma 

A questo punto ci si potrebbe chiedere: Jack Ma è davvero scomparso nel nulla? Oggi non si sa dove sia l’imprenditore. Forse ha semplicemente deciso di lasciare i riflettori e mantenere un basso profilo. Oppure potrebbe essere sorvegliato dalle autorità. In questi anni è stato avvistato a Ibiza, Formentera, a Praga. È stata anche diffusa la notizia che si fosse trasferito a Tokyo. 

Questa sparizione ha avuto un grosso impatto sull’opinione pubblica, soprattutto nel mondo occidentale. È stato aspramente criticato il governo e in molti hanno colto l’occasione per ribadire: “mai sfidare l’autorità cinese”. Il governo voleva fermare un colosso troppo grande, ormai fuori controllo? Per molti interrompere il lavoro di Ma ha portato la fine del periodo d’oro del tech in Cina

Gennaio 2023: il ritorno di Jack Ma e il crollo del suo incredibile patrimonio

Il 7 Gennaio 2023 Ant Group ha annunciato che Jack Ma rinuncerà al controllo del gigante cinese del settore fintech. Dopo la modifica della struttura societaria, l’imprenditore scomparso controllerà poco più del 6% delle azioni di Ant Group (contro il 50% di prima). Come è stata percepita questa notizia? 

“L’uscita di Jack Ma da Ant Financial, società da lui fondata, dimostra la determinazione della leadership cinese a ridurre l’influenza dei grandi investitori privati”, ha dichiarato Andrew Collier, amministratore delegato di Orient Capital Research. 

I più ci hanno visto l’atto finale di un’umiliazione pubblica che servirà da “lezione” a tutti gli altri tycoon che pensano di agire indipendentemente dal governo. E una tendenza continuerà l’erosione delle parti più produttive dell’economia cinese. Che i governi tendano a controllare le aziende tecnologiche e ad abbattere i monopoli, del resto non è una novità. 

Jack Ma oggi non è più l’uomo più ricco della Cina, ed è sceso al 35° posto della classifica dei miliardari redatta da Bloomberg. Il suo patrimonio a Gennaio 2023 è stimato a 34,8 miliardi di dollari. 

Altri Articoli

ETF Ethereum in arrivo? 5 motivi
Dieci Aziende dove puoi pagare in Bitcoin
Come fare soldi online e partendo da zero: 9 idee

Scarica l’app Young Platform

Downaload From Google PlayStoreDownaload From Apple Store