News

La crisi russo-ucraina e il prezzo di Bitcoin

EC
Elisa Campaci

4 min

Prezzo Bitcoin il crollo per la crisi russo-ucraina

Nel Bear Market dell’ultimo periodo, anche le tensioni militari in Ucraina hanno influenzato il prezzo di Bitcoin. Ecco le tappe della decrescita della criptovaluta a Febbraio 2022

In questo periodo i mercati internazionali e le borse di tutto il mondo risentono della crisi tra Russia e Ucraina, il mercato crypto, già ribassista, ha visto il prezzo di Bitcoin continuare a scendere mano a mano che la tensione geopolitica si aggrava. Il prezzo più basso è stato raggiunto il 24 Febbraio 2022 in concomitanza con il primo attacco militare della Russia. Il mese si è aperto con BTC a 38.743 dollari e al momento della stesura di questo articolo, è 35.408. 

Se il conflitto dovesse prolungarsi sul lungo termine, le conseguenze sui mercati e la situazione energetica globale sarebbero davvero impattanti. Per non parlare del peso sulle vite umane e sulle comunità. Anche se al momento i cittadini ucraini e di tutto il mondo hanno preoccupazioni più pressanti del prezzo delle criptovalute, dare uno sguardo ai mercati è un modo per conoscere lo stato generale di ansia e timori, data l’importanza della Russia nel settore energetico. Il Fear and Greed Index si trova nello stato di “extreme fear” e il prezzo dell’oro ha cominciato a salire confermandosi l’investimento preferito nei momenti di incertezza.

In questo articolo troverai la reazione del mercato e anche quella delle persone nel settore crypto al conflitto in Ucraina.

Cosa succede in Ucraina?

Con crisi russo-ucraina si intende una crisi diplomatica e militare che si porta avanti a fasi alterne dal 2021 ma che rispecchia antichi conflitti tra i due paesi. Il mondo intero si è allarmato vedendo l’enorme quantità di soldati, presidi militari e armi pesanti schierati al confine ucraino. Il territorio interessato dal conflitto è il Donbass in cui dal 2014 si scontrano le forze armate ucraine e le milizie locali filo-russe che vorrebbero l’indipendenza dall’Ucraina. Inoltre l’Ucraina sta cercando di intraprendere un percorso di avvicinamento alla NATO e all’Unione Europea, cosa che sembra non andare a genio a Putin che accusa l’Occidente di voler circondare la Russia da tutti i fronti. 

15 Febbraio 2022 – Bitcoin a 44.575$

Il 15 Febbraio 2022 è la data in cui tutto il mondo ha puntato l’attenzione verso l’Europa Orientale. Perché? La Duma di Stato (ovvero il Parlamento) della Federazione Russa ha approvato la richiesta di Putin di riconoscere l’indipendenza dall’Ucraina dei territori di Doneck e Lugansk. Il prezzo di Bitcoin si è chiuso a 44.575, il giorno prima a 45.586. In un primo momento infatti BTC non ha subito grandi cambiamenti. 

16 Febbraio 2022 – Bitcoin a 43.961$

La preoccupazione del 15 Febbraio sembra essere solo un falso allarme quando il giorno dopo viene annunciato il ritiro delle truppe russe dal confine ucraino. Bitcoin comincia piano piano a scendere. 

18 Febbraio 2022 – Bitcoin a 40.030$

L’annuncio del ritiro delle truppe sembra essere smentito dagli Stati Uniti che sostengono che da Mosca siano arrivate ulteriori forze armate. Mentre i diplomatici di tutto il mondo si riuniscono per scongiurare il peggio, tutti temono l’imminente invasione dell’Ucraina. Il prezzo di Bitcoin tocca i 40 mila dollari. 

23 Febbraio 2022 – Bitcoin a 37.296$

Anche se Mosca sostiene che i soldati siano al confine ucraino per una missione di mantenimento della pace, l’Occidente teme che Putin voglia creare un pretesto per giustificare un eventuale attacco militare. Le azioni russe scendono dell’8% e i mercati azionari europei aprono tutti in ribasso. Un anno fa, il 23 Febbraio, il prezzo di Bitcoin era di 48.824$. 

24 Febbraio 2022 – uno dei prezzi più bassi da Luglio 2021

Putin ha dichiarato che l’esercito russo sta intraprendendo una “speciale operazione militare” in Ucraina e i mercati di tutto il mondo sono crollati. Alle prime luci dell’alba la Russia ha lanciato missili in diverse aree del paese, tra cui la capitale Kiev e la città di Charkiv. Il prezzo di Bitcoin si aggira intorno ai 35 mila dollari, uno dei prezzi più bassi degli ultimi tempi. 

E le altcoin?

Non è stato solo il prezzo di Bitcoin a scendere, anche le principali altcoin stanno accusando il periodo di crisi. Dal 15 Febbraio al 23 Febbraio, il prezzo di ETH è sceso del 18%, quello di ADA del 21%. 

La reazione sentita della Community Crypto

In mattinata Vitalik Buterin, il fondatore di Ethereum di origine russa, ha scritto un tweet nella sua lingua madre che può essere tradotto in questo modo: “sono molto turbato dalla decisione di Putin di abbandonare la possibilità di una soluzione pacifica alla disputa con l’Ucraina e di iniziare invece una guerra. Questo è un crimine contro il popolo ucraino e russo. Voglio augurare a tutti di trovare la pace, anche se so che non ci sarà pace. Gloria all’Ucraina”. In un tweet successivo Buterin ha aggiunto: “promemoria: Ethereum è neutrale, io non lo sono”.

Anche Sam Bankman-Fried si è espresso a riguardo: “E, cosa più importante, potrebbe esserci una guerra. Questo è davvero un male per il mondo. F***k tutta questa roba dei prezzi. Andate fuori e fate qualcosa di carino per qualcuno”.

Tieni d’occhio il prezzo di BTC!

Altri Articoli

Scarica l’app Young Platform

Downaload From Google PlayStoreDownaload From Apple Store