News

Zero Knowledge: cos’è? Le principali tecnologie per migliorare Ethereum

EC
Elisa Campaci

4 min

Zero Knowledge: cos’è? Tutto sulla tecnologia che migliorerà Ethereum

Tutto sulla tecnologia Zero Knowledge: cos’è, come è usata nel mondo crypto e i principali progetti che la stanno utilizzando

Cos’è la Zero Knowledge (ZK)? Grazie alle sue potenzialità, negli ultimi mesi questa tecnologia è diventata l’ultima tendenza nel campo tech della blockchain. Viene impiegata per costruire l’infrastruttura delle criptovalute e di internet decentralizzato (Web3). Ma nel concreto cosa si intende per Zero Knowledge e cos’è davvero? Quali sono i principali progetti che hanno deciso di utilizzarla? 

Zero Knowledge: cos’è?  

Il termine “Zero Knowledge” indica innanzitutto un tipo di crittografia che si basa sulle “dimostrazioni a conoscenza zero” con cui due parti possono mettersi d’accordo sulla veridicità di un’affermazione senza rivelare informazioni sull’affermazione stessa. 

La Zero Knowledge è una tipologia di crittografia molto complessa, vediamo come funziona con un esempio:

Immagina di voler scoprire se una tua amica ha letto o meno un libro che vuoi regalarle per il compleanno. Per non rovinare la sorpresa non puoi porle delle domande troppo specifiche, ma puoi escogitare degli interrogativi o osservazioni collaterali che possono indicare se ha letto il libro senza rivelare dettagli fondamentali. 

Se vuoi regalare alla tua amica Orgoglio e Pregiudizio puoi annunciare “chiamerò il mio gatto Mr. Darcy”. Se risponde “ah sì, come il personaggio del libro…” significa che lo ha letto…

Ovviamente più domande vengono poste più si ha la certezza su una certa questione. 

Quindi per spiegare in maniera sintetica cos’è la Zero Knowledge nel mondo delle criptovalute, si può dire che è l’applicazione di questa crittografia ai meccanismi della blockchain. Con cui si raggiunge l’accordo sulla validità delle transazioni senza esplicitare tutti i dati ogni volta. La crittografia Zero Knowledge non solo viene utilizzata per garantire sicurezza e privacy ma anche perché velocizza e rende più leggera l’elaborazione delle transazioni, spesso appesantita dalla mole di dati che devono essere registrati. 

Zero Knowledge: perché questa tecnologia migliorerà le crypto

Come già anticipato spiegando cos’è la Zero Knowledge, questa crittografia e le tecnologie associate hanno tutte le carte in regola per potenziare la blockchain, nello specifico l’ecosistema di Ethereum. Al momento gli sviluppatori l’hanno usata per costruire Layer 2 ovvero dei protocolli che migliorano le performance dei network principali. 

Queste soluzioni si scalabilità, la cui tipologia più diffusa si chiama “rollup”, sono pensate per ridurre al minimo il numero di informazioni che vengono trasferite on chain. In sintesi, gli zk-rollup aggregano più transazioni in dei “pacchetti” off chain e poi registrano sulla blockchain (on chain) solo un’unica prova della loro validità.

La tecnologia Zero Knowledge promette quindi di rendere la blockchain più veloce, adatta a elaborare molte transazioni contemporaneamente e rispettosa della privacy. I network Layer 1 infatti possono rallentare e perdere le loro funzionalità man mano che si ingrandiscono

Tra gli entusiasti della ZK c’è anche Vitalik Buterin, co-fondatore di Ethereum, che si augura che questa tecnologia venga implementata direttamente nel Layer 1. 

Zero Knowledge: quali sono le principali tecnologie per scalare Ethereum?

Ora che sai cos’è la tecnologia Zero Knowledge e come può perfezionare la blockchain, ecco i principali progetti che la stanno usando per scalare Ethereum

  1. Polygon zkEVM

Le zkEVM sono dei zk-rollup completamente compatibili con l’Ethereum Virtual Machine, Polygon ha lanciato la sua a marzo 2023 facendo inaugurare la prima transazione proprio a Buterin. In quanto compatibili con l’EVM, questi rollup che possono essere utilizzati per scalare qualsiasi dapp su Ethereum. Secondo il suo team, Polygon zkEVM ridurrà le commissioni del 90%. 

  1. ZkSync Era

ZkSync Era è un Layer 2 progettato da Matter Labs e lanciato ad aprile 2023. Anche in questo caso è un zk-rollup compatibile con l’EVM e gli smart contract. Questa soluzione di scalabilità sarà adottata da Uniswap, MakerDAO e Curve. Si stima che il Layer 2 abbia processato finora 244 milioni di dollari. 

  1. Consensys zkEVM

Un’altra zkEVM progettata questa volta dall’azienda di Metamask

  1. Scroll

Forse il nome meno noto della lista, Scroll sta lavorando da due anni alla propria zkEVM. Lo scorso febbraio è stata lanciata la testnet su Goerli (Ethereum), la mainnet invece è in arrivo. 

  1. StarkNet

StarkNet, dell’azienda israeliana Starkware, è uno dei progetti che per primi hanno cominciato a programmare zero knowledge rollup per Ethereum, sfruttando le prove crittografiche zk-STARK. StarkNet è una blockchain Layer 2 che però non supporta l’EVM, la sua versione Alpha è operativa da novembre 2021. 

Per rispondere alla domanda “cos’è la tecnologia Zero Knowledge”, abbiamo ripercorso a grandi linee la crittografia da cui deriva, le applicazioni alla blockchain e i principali progetti che la sfruttano. Come per tutte le novità tecnologiche, anche per gli zk-rollup il futuro è fatto di perfezionamento e progressi. Quello che è certo è che nel mondo crypto la sfida per scalare Ethereum viene presa molto sul serio.

Altri Articoli

Interesse composto: cos’è e come si calcola?
Inflazione USA: il dato del CPI di oggi
Coppia al PC

Scarica l’app Young Platform

Downaload From Google PlayStoreDownaload From Apple Store