News

Come proteggersi dall’inflazione grazie a Bitcoin? L’analisi 

JN
Jacqueline Nieder

7 min

Come proteggersi dall’inflazione con Bitcoin

Una ricerca confronta Bitcoin e gli asset finanziari tradizionali nella lotta all’inflazione

Come proteggersi dall’inflazione? Una domanda lecita visto il recente andamento dei prezzi al consumo. Ebbene, Bitcoin risulta un’efficace copertura contro l’inflazione secondo una ricerca del 2022 pubblicata su Axioms, rivista accademica internazionale sostenuta dalla The European Society for Fuzzy Logic and Technology (EUSFLAT), International Fuzzy Systems Association (IFSA) e Union of Slovak Mathematicians and Physicists (JSMF)

In questo articolo spiegheremo che:

  • Bitcoin è l’asset che risponde meglio di altri beni rifugio sia in momenti di mercato stabili che turbolenti; 
  • L’acquisto ricorrente (o PAC) è la strategia migliore per entrare in un mercato (qualsiasi esso sia);
  • In Italia l’inflazione è aumentata nel 2023 e lo stipendio medio è diminuito. 

Proteggersi dall’inflazione? Bitcoin batte la concorrenza

Nel clima economico in cui viviamo, caratterizzato dall’aumento dei prezzi e dalla stagnazione degli stipendi, è lecito cercare di capire come proteggersi dall’inflazione. E quindi tutelare i propri risparmi. 

La ricerca dal titolo “Bitcoin e gli asset finanziari tradizionali fungono da copertura dell’inflazione in mercati stabili e turbolenti? Evidenze dai paesi ad alta adozione di criptovalute”, mette a confronto l’efficacia di diverse strategie e strumenti per combattere l’inflazione utilizzando come paesi campione quelli con un’elevata adozione di criptovalute

In sintesi quello che è emerso è che Bitcoin si protegge meglio dagli shock inflazionistici, rispetto ad altri asset tradizionali come azioni, oro e petrolio.

Su Young Platform con la funzionalità “Salvadanaio” puoi mettere da parte Bitcoin in automatico e con importo e frequenza a tua scelta.

Che cos’è l’inflazione? 

Nel chiedersi come proteggersi dall’inflazione vale la pena effettuare qualche precisazione concettuale. Con inflazione si intende l’aumento dei prezzi dei beni e dei servizi che acquistiamo quotidianamente, che porta ad una riduzione del potere d’acquisto del denaro. In altre parole, rispetto al passato con i nostri risparmi possiamo comprare meno cose. 

Ad esempio, negli Stati Uniti nel 1980 andare al cinema costava solo 2,89$, nel 2019 il prezzo medio di un biglietto è cresciuto a 9,16$! Quindi con una banconota da 10$ nel 1980 avremmo comprato 3 biglietti, ma oggi solo 1. 

Inflazione e stipendi in Italia oggi

Come ce la stiamo cavando oggi con l’inflazione? Recentemente l’ISTAT ha reso noto che nel 2022 i prezzi al consumo sono cresciuti in media del 8,1%, segnando l’aumento più grande dal 1985. E purtroppo il futuro non sembra roseo: per il 2023 si prevede un’ulteriore crescita dell’inflazione pari al +5,1% rispetto all’anno scorso. 

Se ci aggiungiamo che la media degli stipendi in Italia è in calo da trent’anni, come si evince dal rapporto dell’Ocse (Organisation for Economic Co-operation and Development) forse è arrivato il momento di chiederci seriamente come combattere l’inflazione. 

Soluzioni contro l’inflazione 

Forse avrai sentito dire che una delle soluzioni più efficaci per rispondere all’aumento dei prezzi, è investire “sul mattone”. Per molto tempo il settore immobiliare è stato un approdo sicuro per i nostri risparmi, però non è sempre un’opzione percorribile da chi magari è più giovane e non ha molta liquidità. 

In ogni caso, quest’opzione ci ricorda che la cosa importante è difendere i propri risparmi convertendoli in un bene che sia più resiliente del denaro. Il cui valore si mantiene nel tempo, come ad esempio un bene rifugio. Questo perché mantenere i propri guadagni “sotto il materasso” non porta risultati sul lungo termine, dato che a causa dell’inflazione perdono gradualmente il loro valore.  

Gli investitori cercano di proteggere il loro denaro dall’inflazione acquistando beni che aumentano di valore quando i prezzi salgono, come le azioni di aziende che producono beni di prima necessità o materie prime. Altri esempi sono l’oro e il petrolio. Insomma in queste occasioni vale la regola: investire è meglio che risparmiare

Oltre l’oro e il petrolio: come proteggersi dall’inflazione con Bitcoin 

L’oro, le azioni e il petrolio sono davvero i soli modi per proteggersi dall’inflazione? C’è chi avanza l’ipotesi di affidarsi a Bitcoin, può funzionare come copertura? In un primo momento è difficile rispondere a questa domanda con sicurezza. Del resto Bitcoin è un asset nuovo, che va studiato a sé, in relazione al suo mercato di riferimento. 

L’analisi presentata dagli esperti di Axioms cerca di rispondere a questo dubbio. Vediamo i risultati. 

In primo luogo viene osservato che per valutare come un bene può proteggere dall’inflazione, vanno presi in considerazione diversi fattori. Come l’andamento dell’inflazione nel tempo e i territori nazionali studiati. Che nel caso di questa ricerca sono 10.  

In breve, ci sono alcuni asset che possono offrire una protezione nel breve-medio periodo, come Bitcoin, oro, azioni o petrolio. Per il lungo periodo le cose si complicano, i livelli di efficacia contro l’inflazione sono più eterogenei e non è facile trovare un asset migliore e definitivo.

Tuttavia, Bitcoin sembra essere un’opzione interessante per i paesi con un’elevata adozione di criptovalute. In momenti di maggiore turbolenza economica, Bitcoin è l’asset che staticamente risponde meglio alla flessione del mercato. Ma cosa significa tutto questo per gli investitori?

Per evitare l’inflazione, si dovrebbe considerare l’idea di sfruttare BTC per creare una copertura durante una flessione del mercato o nel momento in cui i prezzi degli asset rispondono all’inflazione più rapidamente.  

In secondo luogo, i risultati della ricerca mostrano che Bitcoin lo strumento di copertura dell’inflazione più efficace per la maggioranza dei paesi, sia in regimi economici stabili che turbolenti. Con un picco soprattutto nei paesi con economie meno resistenti. Questo potrebbe essere un vantaggio che ogni governo dovrebbe considerare quando sviluppa regolamenti sulle criptovalute.

Qual è la strategia migliore? 

Per proteggersi dall’inflazione non basta però scegliere l’asset giusto, questo va combinato a una strategia. Quella della regolarità

L’analisi condotta dalla Charles Schwab Corporation, società di investimenti americana che gestisce oltre 7 trilioni di dollari di patrimonio per i suoi clienti, confronta cinque profili di investitore e ne calcola le performance nell’arco di cinque anni, immaginando che ciascuno abbia $2.000 da investire ogni anno

Ecco il risultato: al primo posto c’è il trader che – per preparazione o fortuna – sceglie perfettamente il timing e compra nell’istante corretto. Seguono al secondo e terzo posto chi ogni anno ha investito in un’unica soluzione i $2.000 e chi lo ha spacchettato in 12 rate ed è entrato regolarmente ogni mese. Chiudono la classifica con i risultati peggiori chi ha comprato nel momento sbagliato – guidato dalla FOMO o per estrema sfortuna – e chi non ha fatto nulla e ha mantenuto la sua liquidità ferma sul conto. 

La buona notizia è che per i comuni mortali che non sono trader o non si sentono baciati dalla fortuna ci sono grandi possibilità di ottenere il massimo dai propri investimenti grazie alla regolarità. Ovvero comprando regolarmente un certo asset. Questa strategia si chiama acquisto ricorrente o (PAC). 

Restando ai termini dell’analisi, se avessimo comprato 25€ di Bitcoin una volta a settimana per 5 anni, ad oggi (Marzo 2023) avremmo €6.925 in Bitcoin ma con un valore in portafoglio di €15.803, ovevvero un guadagno netto di €8.800 (il +128%). 

Conclusioni 

In sintesi, chi sta cercando di capire come proteggersi dall’inflazione deve tenere a mente che nessun asset può offrire una protezione completa nel lungo periodo. Ma asset come Bitcoin possono essere una buona opzione nel breve-medio periodo. In ogni caso, è sempre importante fare attenzione alla selezione degli asset e alla tempistica degli investimenti.

***

*Questo articolo è stato scritto sulla base di una ricerca pubblicata su Axioms, una rivista accademica internazionale, peer-reviewed, ad accesso aperto che tratta matematica, logica matematica e fisica matematica, pubblicata mensilmente online da MDPI. Aximos è sostenuta dalla The European Society for Fuzzy Logic and Technology (EUSFLAT), International Fuzzy Systems Association (IFSA) and Union of Slovak Mathematicians and Physicists (JSMF). Per leggere la ricerca completa, scarica il PDF a questo link.

Altri Articoli

ETF spot Bitcoin: approvati ad Hong Kong
Trading View e Young Platform: il rinnovo della partnership
Uniswap verrà indagato dalla SEC?

Scarica l’app Young Platform

Downaload From Google PlayStoreDownaload From Apple Store