News

Criptovalute e fintech: cosa dicono i programmi elettorali?

EC
Elisa Campaci

6 min

Criptovalute e fintech: programmi elettorali elezioni 2022

Le elezioni politiche si avvicinano ed è il momento di dare un’occhiata ai programmi elettorali, cosa prevedono i partiti per le criptovalute e il settore fintech?

Abbiamo esaminato i programmi elettorali dei principali partiti politici italiani alla ricerca di argomenti come la digitalizzazione, lo sviluppo di nuove tecnologie e imprese fintech, l’utilizzo della blockchain e la regolamentazione delle criptovalute. In linea generale sembra che i partiti italiani siano più interessati ad altri temi, come ad esempio quello ambientale presente in quasi tutte le proposte politiche. Anche se il macro tema della tecnologia e delle nuove economie ha poco spazio, i programmi politici accennano a qualche (e spesso vaga) proposta in ambito digitale. Vediamo nel dettaglio cosa prevedono i programmi elettorali per le criptovalute e il settore fintech!

1. Il Movimento 5 Stelle e il Web3

Il programma elettorale del Movimento 5 Stelle è costituito da una lista sintetica e concisa di interventi per il futuro. Nella sezione “Per un paese digitale e moderno” uno dei punti riguarda la definizione di “un piano industriale basato sulle tecnologie strategiche per il futuro: come manifattura digitale, fintech, valute digitali, intelligenza artificiale e robotica, agrifoodtech, aerospazio, web3, semiconduttori, scienze della vita, creazione di contenuti digitali, metaverso, fino ad arrivare a frontiere come nanotecnologie e quantum computing”. 

La lista dei campi relativi a questo piano di digitalizzazione cita alcune realtà del mondo crypto e in generale dell’evoluzione tecnologica, senza tuttavia andare nel concreto delle modalità di attuazione e azioni previste. 

3. Partito Democratico (PD) e la blockchain come risorsa

Uno dei tre pilastri del programma del PD è lo “Sviluppo sostenibile e transizioni ecologica e digitale”, sotto questo punto si può leggere: “vogliamo rafforzare il grande potenziale delle nostre imprese, dei piccoli imprenditori e imprenditrici, delle start-up innovative” e ancora “vogliamo rimuovere gli ostacoli che frenano le famiglie e le imprese a migrare verso le reti di connettività a banda ultra-larga, attuali e future, e al pieno dispiego delle competenze e dei servizi digitali, ivi inclusi quelli offerti della Pubblica Amministrazione”. 

In generale il Partito Democratico promuove la digitalizzazione del paese (si fa un breve cenno anche all’Internet of Things e l’intelligenza artificiale, specificando che si vorrà evitarne l’abuso in contesti come la sorveglianza di massa) e un’attenzione a uno spazio digitale sicuro in cui la gestione dei dati è trasparente. Il programma presenta esplicitamente il termine “blockchain” in questo contesto: “più in generale, riteniamo che occorrano politiche industriali per lo sviluppo del settore degli asset digitali, coerentemente con il quadro normativo europeo e allo stesso tempo cogliendo le nuove opportunità che le moderne tecnologie blockchain offrono.” Anche in questo caso il programma non scende nel dettaglio. 

3. Possibile al lavoro sul Digital Gender Gap

Possibile, il partito fondato da Giuseppe Civati, mette il focus sulla cybersicurity, la privacy e l’anonimato online. Nel programma di Possibile la digitalizzazione viene associata al trasporto pubblico e ai nuovi servizi mobilità. Possibile si schiera apertamente dalla parte dello smart working: “in un contesto in cui il lavoro – specie quello intellettuale – è sempre più soggetto alla digitalizzazione, alla dematerializzazione, alla codificazione in algoritmi di intelligenza artificiale, la resistenza italiana al lavoro agile ha del surreale”. 

Il programma continua specificando che “In merito alle tecnologie digitali, è necessario completare rapidamente la copertura della rete di connessione che colmi il divario digitale fra Nord e Sud e aree periferiche e centrali”. Un ulteriore divario da colmare è il Digital Gender Gap stimolando “la partecipazione femminile lungo i percorsi formativi in ambito STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics) e più in generale ICT (Information and Communications Technology) mediante borse di studio” per cui sono previsti 50 milioni di Euro, ma anche tramite inserimento delle laureate nel mercato del lavoro digitale.   

4. Forza Italia, la blockchain a servizio dell’emergenza rifiuti

Il partito di Silvio Berlusconi cita esplicitamente la blockchain nel suo programma in questi termini: “sostegno e incentivi all’innovazione digitale per la tracciabilità dei rifiuti attraverso l’utilizzo dei nuovi sistemi di Blockchain”. Per il resto il programma relativo allo sviluppo tecnologico è in linea con quello della coalizione di destra che vedremo nei paragrafi succesivi. 

5. Italexit: un no al digitale

Italexit di Gianluigi Paragone si pone contrario all’identità digitale, alla moneta digitale e vuole combattere l’uso inappropriato dei social network. Nel paragrafo del programma di Italexit intitolato “No a tetti al contante, all’uso della moneta digitale e al blocco dei conti correnti” si può leggere: “la moneta digitale consentirebbe una forma di controllo quasi assoluta sui cittadini e potrebbe essere usata come una forma di ricatto verso chi dissente.” Successivamente Italexit si propone di vigilare sulla biotecnologia e l’intelligenza artificiale a tutela della vita e della persona umana “nella sua integrità psico-fisica”. 

6. Lega: NFT, Metaverso e criptovalute

Il programma elettorale della Lega dedica un paragrafo a “Criptovalute, NFT e Metaverso” in cui viene proposta l’“introduzione di un quadro normativo che preveda una specifica definizione e classificazione delle criptovalute e dei token, al fine di svilupparne l’utilizzo”. La Lega esprimel’esigenza di stabilire anche sul mercato italiano regole per le infrastrutture e gli attori di questo nuovo mondo della finanza digitale” con misure per il trattamento fiscale delle criptovalute che superino “la mera equiparazione delle criptovalute alle valute tradizionali, al fine di dare certezza a tutti gli operatori del settore”. Ad ora infatti le criptovalute sono considerate dall’Agenzia delle Entrate al pari delle valute estere.

All’interno del programma della Lega si può trovare un punto specifico sulla digitalizzazione del patrimonio culturale attraverso NFT e Metaverso con lo scopo di “tutelare, promuovere e valorizzare”. 

7. Fratelli d’Italia per la digitalizzazione e le start-up

Fratelli d’Italia, e in generale la coalizzione di destra, illustra nel suo programma la volontà di digitalizzare diversi settori come il turismo, la cultura, le infrastrutture, la giustizia e la pubblica amministrazione. Anche in questa sede si propone il “potenziamento e sviluppo delle infrastrutture digitali ed estensione della banda ultralarga in tutta Italia”, oltre al“ potenziamento del sistema degli incubatori d’impresa per le start-up costituite da giovani, garantendo spazi, servizi, sostegno e consulenze adeguate a costo zero per la fase di avvio.”

8. Italia Viva: un fondo per DLT e blockchain

Il programma politico di Italia Viva dedica una sezione a “Innovazione, Digitale e Space Economy”, dove vengono citati l’impegno a “continuare a investire nella copertura delle reti ad altissima capacità (compresa la fibra fino all’utente) e alla copertura 5G”, a migliorare la cybersecurity e a costruire città sempre più smart. La blockchain viene chiamata in causa nel paragrafo “Sviluppare competenze e leadership in settori strategici”: Italia Viva prevede l’istituzione di un fondo pubblico e privato per le tecnologie deep tech incluse Digital Ledger Technologies e la blockchain. Per l’intelligenza artificiale invece “ è necessaria un’unità dedicata nel Ministero per l’Innovazione tecnologica”. A favore delle start-up Italia Viva vuole snellire il sistema burocratico e fiscale facilitando l’ingresso di queste realtà nei mercati. Inoltre il partito di Carlo Calenda propone di “eliminare del tutto la tassazione del capital gain sugli investimenti in startup e venture capital e di aumentare l’incentivo fiscale per coloro che investono, per attrarre una quota maggiore di investimento di fondi pensione ed enti assicurativi nell’economia reale.”

Altri Articoli

Prezzo Bitcoin: perché è salito? Anche Ethereum al rialzo
Mercato NFT di Novembre: scendono i prezzi ma si continua a comprare
Fantom crypto: il prezzo sale del 40% grazie a Andre Cronje

Scarica l’app Young Platform

Downaload From Google PlayStoreDownaload From Apple Store