News

I CryptoPunks diventano gioielli di Tiffany

FI
Filippo Iachello

3 min

CryptoPunks: gli NFT diventano gioielli di Tiffany

Tiffany & Co. annuncia una collezione di gioielli per i CryptoPunks holder. Scopri i dettagli della lussuosa collaborazione!

La community Web3 si è scatenata, in particolare su Twitter, in seguito all’annuncio ufficiale postato il 31 Luglio proprio sul social network: il brand di gioielli di lusso Tiffany & Co. lancerà la sua prima collezione NFT, gli NFTiff. Questi token non fungibili raffigureranno dei gioielli nello stile pixelato dei CryptoPunks. Gli NFTiff, solo 250, saranno acquistabili soltanto dagli holder dei CryptoPunks. I prodotti digitali in un secondo momento diventeranno dei veri e propri ciondoli personalizzati corrispondenti alla loro versione digitale.

I CryptoPunks diventano gioielli di Tiffany 

Vediamo il design dei gioielli e i materiali con cui saranno realizzati gli NFT di Tiffany. L’obiettivo degli artigiani di Tiffany sarà quello di creare gioielli il più possibile simili alla versione in pixel. La sfida sarà riuscire a trasporre gli 87 attributi e i 159 colori, con i quali i CryptoPunks sono composti nella loro versione digitale, nella gemma o nel colore di smalto più simile possibile. Secondo il sito ufficiale di Tiffany, ogni pezzo sarà composto da almeno 30 pietre preziose e diamanti. L’azienda newyorkese ha inoltre dichiarato che i possessori riceveranno un rendering del loro ciondolo entro ottobre.

Quanto costeranno gli NFT di Tiffany e dove si potrà acquistarli?

L’acquisto degli NFT di Tiffany sarà possibile esclusivamente tramite il sito ufficiale, ed avverrà ovviamente in crypto, più precisamente in Ether. I wallet consigliati per il pagamento sono Meta Mask o Trust Wallet. La vendita degli NFTiff inizierà il 5 Agosto 2022 alle 16 (ora italiana) e sarà possibile acquistare un massimo di 3 items per individuo.

Il “pacchetto” che comprende il costo dell’NFT, il pendente personalizzato e la spedizione di quest’ultimo costerà 30 ETH, che al valore attuale corrispondono a circa 50mila euro. I CryptoPunks insomma fanno colazione da Tiffany, ma i proprietari dell’iconica collezione NFT saranno così interessati alla gioielleria di lusso?

Luxury brand e Web3 sempre più in sintonia

Con questa mossa, Tiffany & Co. si unisce alla schiera di aziende del settore fashion luxury che cercano di affermarsi nel mondo Web3, con l’obiettivo di coinvolgere una nuova generazione di clienti. Brand come Gucci, Louis Vuitton, Balenciaga, Philipp Plein e altri si sono infatti, durante questo ultimo anno, resi disponibili ad accettare pagamenti in criptovalute. L’iniziativa di Tiffany però va oltre alla semplice accettazione delle crypto come metodo di pagamento, è invece una vera e propria collaborazione con uno dei brand più famosi e riconosciuti del settore. I CryptoPunks sono un vero e proprio simbolo della cultura del Web3!

Vi erano già state alcune avvisaglie della volontà, da parte di Tiffany, di inserirsi in questo nuovo mercato. In occasione dell’ultimo April Fool, l’azienda aveva postato sui propri social, un annuncio in cui dichiarava di essere pronta a lanciare la propria criptovaluta: La TiffCoin. 

Moltissimi utenti sono caduti nel tranello del pesce d’aprile, ma non tutto ciò che è stato annunciato dal brand è completamente inventato: la TiffCoin è stata infatti riproposta come un’edizione limitata da collezione (sotto forma di oggetto fisico) sul sito web di Tiffany & Co. Se quindi inizialmente si poteva supporre che il brand avesse architettato lo scherzo per “prendere in giro” il mondo Web3, ora abbiamo la dimostrazione del contrario. Insomma i CryptoPunks diventano gioielli di Tiffany, siamo curiosi di vedere se i celebri holder tra cui Jay Z, Steve Aoki, Serena Williams riusciranno ad aggiudicarseli!

Altri Articoli

Scarica l’app Young Platform

Downaload From Google PlayStoreDownaload From Apple Store