News

Bitcoin ETF e Bitcoin ETP, cosa cambia? 

EC
Elisa Campaci

5 min

ETF e ETP di Bitcoin: cosa sono e quali sono le differenze

Gli ETF e gli ETP di Bitcoin sono sempre più diffusi. Ma cosa sono in breve questi strumenti finanziari? Quali sono le differenze?

Prima di vedere cos’è un ETF di Bitcoin e la differenza con un ETP, capiamo cosa si intende per ETF ovvero Exchange Traded Fund. In italiano si può tradurre come “fondo indicizzato quotato” in Borsa e si tratta di un prodotto finanziario che replica passo passo l’andamento di un indice (chiamato benchmark); sono “scatole” contenenti azioni, obbligazioni, materie prime, titoli immobiliari o contratti derivati di questi strumenti, in modo da riprodurne le prestazioni. Gli ETF sono venduti e comprati come titoli ordinari e per questo sono considerati strumenti finanziari più accessibili e meno costosi rispetto ai fondi di investimento classici. Come tutti gli strumenti quotati nei mercati finanziari, il loro prezzo può scendere e salire. In breve possono essere considerati dei panieri di titoli di diverse aziende o realtà che fanno riferimento a un “tema” comune, che può essere il mercato di un’area geografica o un settore. 

Che cos’è un ETF di Bitcoin

Secondo questa definizione di ETF, gli Exchange Traded Fund di Bitcoin replicano l’andamento di BTC e delle attività connesse alla crypto di Satoshi Nakamoto. In sostanza permettono di esporsi a BTC senza effettivamente comprare nessuna criptovaluta, per questo nella maggior parte dei casi attraggono chi non è abituato ad avere a che fare con exchange di criptovalute, wallet e chiavi private. In altre parole si può dire che sono BTC scambiati sulle borse tradizionali e non sugli exchange crypto. 

L’8 Giugno 2022 è stato quotato il primo ETF di Bitcoin nella Borsa Italiana. Mentre il primo in assoluto, realizzato da ProShares, è stato approvato nel 2021 dalla SEC negli Stati Uniti. Il lancio negli USA ha avuto un discreto successo, sia per gli investitori retail che per quelli istituzionali.

Al momento tutti gli Exchange Traded Fund di Bitcoin sono basati su futures, ovvero contratti a termine che attribuiscono una certa quantità di sottostante, in base a un prezzo di consegna e a una scadenza prefissata, alle due parti che li sottoscrivono. In questo sistema uno dei contraenti punta sul rialzo del prezzo e l’altro sul ribasso.

Esistono ETF di Bitcoin spot?

Gli ETF di Bitcoin spot vengono scambiati per consegna immediata: all’ordine di acquisto o vendita segue immediatamente l’effettivo scambio dello strumento con liquidità (come valuta fiat). Questo genere di fondi non è ancora stato messo in commercio, attualmente la società Grayscale è in trattativa con la SEC per approvarne uno, convertendo un fondo comune d’investimento che già gestisce. Gli Exchange Traded Fund spot sono più difficili da istituire, per emetterli bisogna soddisfare svariati requisiti tecnico-normativi, soprattutto per quanto riguarda il sottostante, che in questo caso è l’intero mercato spot di Bitcoin. Qualsiasi azienda che emetta un ETF sul mercato spot dovrà infatti possedere direttamente i bitcoin e custodirli con la massima sicurezza. Inoltre, si deve dimostrare agli enti regolatori che Exchange Traded Fund non dia luogo a manipolazione dei prezzi nel relativo mercato.

Vantaggi e svantaggi di un ETF di Bitcoin

Come anticipato, il vantaggio principale di questi fondi è che permettono di entrare nel mercato delle criptovalute in maniera “tradizionale”. Infatti risultano semplici a chi opera già presso intermediari finanziari. Gli ETF di questo tipo sono strumenti regolamentati e per questo infondono fiducia negli investitori istituzionali (e nei retailer) e vengono utilizzati per  diversificare i propri investimenti. 

Per quanto riguarda gli svantaggi, a causa dei costi di gestione, acquistarli è meno conveniente rispetto ad comprare BTC direttamente su exchange. Inoltre, quelli basati su derivati non riflettono istantaneamente le variazioni di prezzo, quindi potrebbero non tracciare precisamente gli andamenti di mercato. Bisogna considerare anche che gli Exchange Traded Fund sono a gestione indiretta, questo significa che non si ha il controllo diretto sul tuo denaro. Per questo motivo sono considerati da molti utenti del settore, un metodo usato dalle banche centrali e dalla finanza classica per influenzare in qualche modo l’evoluzione e lo sviluppo di una moneta ideata e nata per essere totalmente decentralizzata.

La differenza tra ETF e ETP

Hai sentito parlare anche degli ETP? Gli Exchange Traded Product sono una macrocategoria che riunisce una serie di prodotti finanziari che replicano indici azionari o altri asset seguendone l’andamento nel mercato di riferimento. Gli ETF sono dunque un sottoinsieme degli ETP, insieme agli ETN (Exchange Traded Note) e agli ETC (Exchange Traded Commodities). In poche parole, ETN ed ETC non sono fondi ma note di debito, poiché acquistandoli si fornisce di fatto credito ad una società. Inoltre, gli ETC tracciano specificamente il prezzo  di materie fisiche come oro, argento, petrolio, zucchero, oppure i derivati delle materie prime. Gli ETN, invece, riflettono gli andamenti di tutti gli altri tipi di strumenti finanziari. 

Un nuovo ETP di Bitcoin alla Borsa di Francoforte 

Il 23 Settembre 2022 è stato quotato alla Borsa di Francoforte un nuovo Exchange Traded Product a tema Bitcoin. L’ETP che per definizione è composto da ETF e ETN, è emesso da Valour, una società che offre prodotti finanziari legati al settore Web3, e si chiama “Bitcoin Carbon Neutral”. Qual è la particolarità di questo ETP? Quando si compra il BTC Carbon Neutral ETP di Valour, tutte le emissioni di anidride carbonica legate al prodotto saranno automaticamente compensate. Tra queste emissioni rientrano ad esempio i consumi del mining. 

Concretamente il piano carbon free sarà attuato in collaborazione con Patch, una piattaforma che offre soluzioni per le aziende che vogliono fare la loro parte nella lotta al cambiamento climatico. Patch in questo frangente selezionerà progetti che prevengono le emissioni e rimuovono l’anidride carbonica dall’atmosfera relativa a BTC. Valour offre ETP anche a tema Uniswap (UNI), Cardano (ADA), Solana (SOL) e tanti altri progetti crypto. 

Un altro prodotto a tema BTC lanciato di recente è il 21 Shares Bitcoin ETP quotato a Luglio 2022. 

I Bitcoin ETF e ETP si dimostrano così strumenti finanziari sempre più popolari, scelti da chi vuole approcciare le criptovalute in maniera graduale.

Altri Articoli

Capitale crypto in aumento, settimana record del 2023
Regolamento MiCA crypto: cos’è e cosa prevede? La guida
black friday

Scarica l’app Young Platform

Downaload From Google PlayStoreDownaload From Apple Store