News

Bitcoin ETF e Bitcoin ETP, cosa cambia? 

EC
Elisa Campaci

4 min

ETF e ETP di Bitcoin: cosa sono e quali sono le differenze

Gli ETF e gli ETP di Bitcoin sono sempre più diffusi. Ma cosa sono in breve questi strumenti finanziari? Quali sono le differenze?

Prima di vedere cos’è un ETF di Bitcoin e la differenza con un ETP, capiamo cosa si intende per ETF ovvero Exchange Traded Fund. In italiano si può tradurre come “fondo indicizzato quotato” in Borsa e si tratta di un prodotto finanziario a gestione passiva che replica passo passo l’andamento di un indice (chiamato benchmark); sono “scatole” contenenti azioni, obbligazioni, materie prime, titoli immobiliari o contratti derivati di questi strumenti, in modo da riprodurne le prestazioni. Gli ETF sono venduti e comprati come titoli ordinari e per questo sono considerati strumenti finanziari più accessibili e meno costosi rispetto ai fondi di investimento classici. Come tutti gli strumenti quotati nei mercati finanziari, il prezzo degli ETF può scendere e salire. In breve gli ETF possono essere considerati dei panieri di titoli di diverse aziende o realtà che fanno riferimento a un “tema” comune, che può essere il mercato di un’area geografica o un settore. Comprare un Exchange Traded Fund permette di diversificare il proprio investimento tra i titoli delle diverse aziende che compongono il benchmark che l’ETF vuole tracciare.

Che cos’è un ETF di Bitcoin?

Secondo questa definizione di ETF, gli Exchange Traded Fund di Bitcoin replicano l’andamento di BTC e delle attività connesse alla crypto di Satoshi Nakamoto. Gli ETF di Bitcoin in sostanza permettono di esporsi a BTC senza effettivamente comprare nessuna criptovaluta, per questo nella maggior parte dei casi attraggono chi non è abituato ad avere a che fare con exchange di criptovalute, wallet e chiavi private. In altre parole si può dire che gli ETF di Bitcoin sono BTC scambiati sulle borse tradizionali e non sugli exchange crypto. L’8 Giugno 2022 è stato quotato il primo ETF di Bitcoin nella Borsa Italiana

La differenza tra ETF e ETP

Hai sentito parlare anche degli ETP? Gli Exchange Traded Product sono una macrocategoria che riunisce una serie di prodotti finanziari che replicano indici azionari o altri asset seguendone l’andamento nel mercato di riferimento. Gli ETF sono dunque un sottoinsieme degli ETP, insieme agli ETN (Exchange Traded Note) e agli ETC (Exchange Traded Commodities). Tutti questi prodotti finanziari hanno in comune il fatto di essere negoziati in borsa e il fatto di replicare passivamente la performance di un asset di riferimento, quindi senza l’intervento dei trader. Al di là di queste somiglianze, ognuno di questi prodotti ha le sue peculiarità. Ad esempio gli ETC non tracciano il prezzo di indici ma quello di materie fisiche come oro, argento, petrolio, zucchero, oppure i derivati delle materie prime. Esistono ETC di singole materie prime oppure di più asset. 

La differenza tra ETF e ETN 

ETF e ETN si distinguono per una sola lettera: “F” e “N”, che stanno rispettivamente per “fondo” e “nota di debito”. Sia Exchange Traded Fund che Exchange Traded Note replicano la performance di un determinato indice, ma sono due prodotti diversi perché il secondo è uno strumento di debito. Se acquisti un ETF possiedi una “quota” di un fondo, mentre gli ETN sono obbligazioni emesse da un’azienda, ovvero prestiti che l’investitore consegna ad una società. Quest’ultima, a sua volta, garantisce la replica di un indice, investendo negli strumenti sottostanti per conto del creditore. La differenza tra ETF e ETN sta nella tipologia di titolo che rappresentano: quando un utente compra un ETF partecipa a un fondo che detiene degli asset, nel caso degli ETN invece gli investitori hanno un rapporto diretto con le obbligazioni che vengono emesse dall’azienda.

Un nuovo ETP di Bitcoin alla Borsa di Francoforte 

Il 23 Settembre 2022 è stato quotato alla Borsa di Francoforte un nuovo Exchange Traded Product a tema Bitcoin. L’ETP che per definizione è composto da ETF e ETN, è emesso da Valour, una società che offre prodotti finanziari legati al settore Web3, e si chiama “Bitcoin Carbon Neutral”. Qual è la particolarità di questo ETP di Bitcoin? Quando si compra il BTC Carbon Neutral ETP di Valour, tutte le emissioni di anidride carbonica legate al prodotto saranno automaticamente compensate. Tra queste emissioni rientrano ad esempio i consumi del mining. 

Concretamente il piano carbon free sarà attuato in collaborazione con Patch, una piattaforma che offre soluzioni per le aziende che vogliono fare la loro parte nella lotta al cambiamento climatico. Patch in questo frangente selezionerà progetti che prevengono le emissioni e rimuovono l’anidride carbonica dall’atmosfera relativa a BTC. Valour offre ETP anche a tema Uniswap (UNI), Cardano (ADA), Solana (SOL) e tanti altri progetti crypto. 

Un altro prodotto a tema BTC lanciato di recente è il 21 Shares Bitcoin ETP quotato a Luglio 2022. 

Altri Articoli

NFT art: a Milano una galleria fisica per l’arte digitale
NFT news dalla Cina: diventeranno illegali come le criptovalute?
FOMO: cos’è davvero? Significato ed esempi

Scarica l’app Young Platform

Downaload From Google PlayStoreDownaload From Apple Store