News

Gli Stati Uniti sono un modello per la mass adoption?

FI
Filippo Iachello

4 min

Criptovalute: 3 casi d’uso negli Stati Uniti

Gli Stati Uniti sono lo stato più vicino alla crypto adoption? Ecco 3 casi d’uso delle criptovalute! 

Gli Stati Uniti, secondo una ricerca di Forex Suggest, sono il secondo paese più preparato per all’adozione di massa delle criptovalute, la famosa mass adoption. Forex Suggest, che raccoglie ed elabora dati nel settore trading, ha utilizzato come parametri per stilare la classifica le installazioni di crypto ATM in proporzione al numero della popolazione e il numero di startup blockchain per 100.000 persone. La mass adoption però, non passa solo da questo. Per far sì che le criptovalute diventino davvero mainstream è necessario che siano predisposte infrastrutture di supporto, tecnologiche ma soprattutto normative.

A questo proposito, è stato approvato in questi giorni un decreto legislativo, che permetterà ai candidati politici californiani di accettare donazioni in criptovalute. La città di Miami, il cui sindaco, Francis Suarez, non ha mai nascosto la sua passione per i Bitcoin, continua con le sue iniziative pro Web3. A Dicembre 2022 sarà presentata la collezione NFT in collaborazione con Mastercard, TIME e Salesforce. Gli USA sono un modello per la mass adoption? Vediamo 3 casi d’uso delle criptovalute negli Stati Uniti!

Il paese con più ATM al mondo

Tralasciando lo stato di Hong Kong, che per la  sua limitatissima estensione geografica e la sua particolare natura politica può essere considerato un caso limite dello studio, gli USA sono lo stato più crypto friendly, orientato all’adozione mainstream. Nel paese, infatti, sono presenti circa 10 bancomat crypto ogni 100.000 abitanti, uno ogni 271 km. L’88% degli ATM crypto esistenti si trova sul territorio americano. Per quanto riguarda invece il numero di startup, lo score USA si attesta attorno a 0.6 per ogni 100mila abitanti. 

California: sì alle donazioni in criptovalute per le campagne elettorali 

È del 21 Luglio 2022 la notizia secondo la quale lo Stato della California consentirà ai candidati alle cariche politiche statali e locali di ricevere donazioni in criptovalute. Viene quindi abrogata definitivamente la precedente normativa, che vietava ai promotori politici il diritto di raccogliere o ricevere fondi via blockchain. La legge era stata promossa durante il bear market del 2018, più precisamente a Novembre. Coloro che riceveranno le donazioni però, saranno obbligati a convertire immediatamente l’ammontare di crypto ricevute in valuta fiat. La normativa stabilisce inoltre che il candidato politico è obbligato a collaborare con un exchange registrato per gestire la transazione. L’exchange deve aver confermato l’identità del donatore attraverso le pratiche del KYC (Know Your Customer) con la verifica  del nome, dell’indirizzo, dell’occupazione e del datore di lavoro.

Ad alcuni potrebbe far storcere il naso l’obbligo di conversione istantanea in moneta fiat. Se tuttavia consideriamo che solo 4 anni fa, la California si era dimostrato fortemente contraria alla pratica tanto da renderla illegale, è sicuramente un passo in avanti. I finanziamenti politici con le criptovalute sono uno dei casi d’uso più interessanti negli Stati Uniti.

Miami con Mastercard, TIME e Salesforce per una collezione di NFT

Anche per quanto riguarda le iniziative cittadine, gli Stati Uniti si dimostrano il paese più virtuoso se si parla di  mass adoption. La città di Miami ha da poco annunciato un’iniziativa Web3 per vivere la città a 360° con il supporto di tre importanti brand: Mastercard, TIME e Salesforce. Nel concreto si tratta di creare 5mila NFT disegnati da 56 artisti locali. Il numero 56 non è stato scelto a caso, ma sta a rappresentare la grandezza in miglia quadrate della città.

Gli holder di questi NFT avranno accesso al Mastercard Priceless Miami program che prevede esperienze artistiche ed eventi esclusivi in città come – cene gourmet, visite private in musei, soggiorni in lussuosi resort o spa e tanti altri. Il processo di minting (creazione degli NFT) e il mercato secondario sarà completamente gestito da Salesforce – azienda produttrice di software, servizi di automazione e analisi del marketing digitale fondata nel 2000. Il terzo protagonista di questa collaborazione è il colosso editoriale TIME, il marchio orbita attorno al mondo Web3 da Marzo 2021, da allora, grazie alla propria comunità NFT chiamata TIMEPieces, è un attore importante nel settore. Forse qualcuno si ricorda l’iconica copertina raffigurante Vitalik Buterin, il fondatore di Ethereum. La città della Florida aveva già lanciato, ad agosto 2021, Miami Coin un token destinato a finanziare in modo sostenibile progetti a sostegno delle comunità cittadine più in difficoltà.

Grazie a queste iniziative intraprese sia a livello statale che locale, gli USA sembrano davvero voler diventare un modello per la mass adoption, l’adozione delle criptovalute oltreoceano è più vicina di quanto pensiamo? Questi 3 casi d’uso delle criptovalute negli Stati Uniti sembrano confermare che è proprio così.

Altri Articoli

Prezzo Bitcoin: perché è salito? Anche Ethereum al rialzo
Mercato NFT di Novembre: scendono i prezzi ma si continua a comprare
Fantom crypto: il prezzo sale del 40% grazie a Andre Cronje

Scarica l’app Young Platform

Downaload From Google PlayStoreDownaload From Apple Store