News

5 curiosità su Solana

EC

Elisa Campaci

4 min

Solana 5 curiosità sulla crypto sostenibile

Da dove deriva il suo nome? È davvero una blockchain green? Scopri queste e altre curiosità su Solana!

Da poche ore sull’exchange di Young Platform, Solana sta già conquistando il cuore di molti. Ecco 5 curiosità sulla crypto sostenibile per chi già non può farne a meno!

1. Perché Solana si chiama così?

Chi frequenta Twitter sa bene che l’emoji per riferirsi a Solana è quella del sole. Ma cosa c’entra il sole con questa blockchain? La storia di Solana inizia nel 2017, allora lo sviluppatore di origine ucraina Anatoly Yakovenko ha un’intuizione geniale. L’idea creare una blockchain più veloce. Mentre si accende la lampadina, Yakovenko si trovava proprio a Solana Beach, località della California. In onore del luogo che l’ha ispirato, lo sviluppatore ha scelto di chiamare la sua blockchain innovativa proprio come la soleggiata spiaggia. 

2. Una transazione su Solana consuma meno di due ricerche su Google

Solana è una blockchain famosa per la sua efficienza energetica e l’impegno per salvaguardare l’ambiente. Essendo PoS, Solana non ha bisogno di tanta energia per validare le sue transizioni e renderle sicure. A Novembre 2021 è stato divulgato un report sui consumi, da cui è emerso che ogni transazione su Solana consuma 1.837 Joule (o 0,000051 kWh). Un dato che così, preso singolarmente, non rende l’idea di quanto sia piccolo. Proviamo a paragonarlo con il consumo di altre blockchain: Ethereum chiede 692.820.000J e Bitcoin: 6.995.592.000J. Ancora più efficace può essere confrontare i dati con azioni quotidiane. Completare la ricarica di una batteria di un IPhone 13 richiede 44.676 J e lavorare con un computer e monitor per un’ora 46.800 J. Curiosità extra sulla crypto sostenibile: in totale la quantità di energia che serve a Solana per un anno di attività corrisponde a quella dell’energia elettrica di 1.038 famiglie americane. Un bel risultato per Solana, pronta a fornire strumenti per un Web3 sostenibile!

3. Il primo protocollo su Solana ad essere finanziato da Visa

La terza curiosità sulla crypto sostenibile? Zebec, un protocollo su Solana per pagamenti veloci e semplici, parteciperà al Visa Fintech Track Program. Zebec è la prima realtà su Solana a collaborare direttamente con Visa, una delle più grandi aziende finanziarie che ha sempre sostenuto il settore delle criptovalute. Nello specifico, il Visa Fintech Track Program è stato pensato per promuovere la crescita di innovativi progetti fintech fornendo loro tutti gli strumenti per accelerarne lo sviluppo ed esplorare nuove modalità di business. Zebec con il suo nuovo protocollo per lo scambio di denaro programmabile, ha enormi potenzialità per l’economia digitale nell’ottica di semplificare l’invio e la ricezione di denaro. Una delle applicazioni di Zebec, è Zebec Pay: un sistema di elaborazione delle buste paga per dare ai dipendenti lo stipendio in criptovalute. 

4. Il Marketplace NFT di Lollapalooza

In questa lista di curiosità su Solana non poteva mancare un piccolo momento NFT. Lollapalooza è uno dei festival musicali più iconici degli Stati Uniti. Si svolge tutti gli anni a Grant Park, tra lo skyline di Chicago e le rive del Lago Michigan. Nell’estate del 2021 il Lollapalooza ha aperto i battenti con una novità: un Marketplace di NFT su Solana in cui acquistare, per l’occasione, un poster celebrativo dell’edizione del festival del 1991 sotto forma di token non fungibile. 

5. SBF conquistato da Solana!

Sam Bankman-Fried, noto anche con la sigla SBF, ha espresso pubblicamente le sue opinioni positive su Solana. SBF, CEO di FTX e figura di spicco nel mondo crypto, ospite di una conferenza di Yahoo Finance ha dichiarato: “Solana è una delle poche blockchain esistenti e pubbliche che ha una roadmap plausibile per riuscire a scalare milioni di transazioni al secondo”. La velocità e la scalabilità per SBF sono le condizioni necessarie affinché una criptovaluta possa essere usata a livello mainstream. Infatti, più persone utilizzano un sistema, più questo deve essere efficiente e supportare la quantità crescente di transazioni. Per queste ragioni, secondo SBF, Solana potrebbe diventare il nuovo Bitcoin. Tanto che in un tweet datato 7 Settembre 2021, SBF ipotizza che la criptovaluta più funzionale per El Salvador possa essere Solana. Se a El Salvador abitano circa 6 milioni di persone che, ipoteticamente, svolgono 10 transazioni di pagamento a testa, le transazioni totali al giorno sarebbero circa 60 milioni. Ovvero 600 al secondo! Dal momento che Solana può sostenere fino a 50 mila TPS (nell’esatto momento in cui SBF ha scritto il tweet Solana ha elaborato 2500 transazioni), potrebbe garantire uno svolgimento fluido delle attività giornaliere. Senza intasare il sistema. 

SBF ha inoltre scelto la blockchain di Solana per realizzare una collezione di NFT commemorativa dedicata al cestista Stephen Curry e al suo record di tiri da tre punti. 

Compra SOL!

Altri Articoli

Scarica l’app Young Platform

Unisciti alla community

Partecipa alle discussioni sui nostri canali, chatta con il team e scopri funzionalità in anteprima.

Ricevi news di mercato e aggiornamenti su partnership e listing di nuove monete.