News

Il piano di The Graph per la piena decentralizzazione delle info su blockchain

FI
Filippo Iachello

4 min

The Graph: la crypto verso la completa decentralizzazione

The Graph annuncia l’abbandono dei servizi di hosting centralizzati e si prepara a decentralizzare tutte le sue operazioni

The Graph è un protocollo Web3 che viene utilizzato per l’indicizzazione dei dati delle blockchain. The Graph viene soprannominato “il Google delle blockchain” perché svolge più o meno lo stesso compito che il motore di ricerca svolge per il Web tradizionale ovvero indicizza i dati presenti sulla blockchain rendendo il processo di estrazione di questi ultimi più facile e veloce. In questo modo, permette alle Dapp di trovare i dati di cui necessitano molto velocemente. Il protocollo sta ufficialmente abbandonando il suo servizio centralizzato di hosting per spostarsi interamente sulla rete decentralizzata di The Graph.

La situazione attuale di The Graph

L’ecosistema di The Graph ruota attorno alla relazione tra gli sviluppatori dei subgraph e coloro che utilizzano i dati. I primi descrivono il modo in cui vengono organizzati i dati, i secondi sono per esempio gli sviluppatori di app, che sono disposti a pagare per interrogare i dati contenuti nei subgraph. Questi dati sono per esempio le informazioni scritte all’interno della blockchain come quelle relative alle transazioni.  Inizialmente per far sì che la rete di The Graph funzionasse è stato creato un servizio di hosting centralizzato, gestito da Edge & Node, dello stesso team che ha dato vita a The Graph. Ad oggi questo servizio di hosting ospita più di 24.000 subgraph che andranno man mano trasferiti sulla main net decentralizzata. Il passaggio sulla main net decentralizzata sta avvenendo in modo graduale. Il primo subgraph è stato lanciato su questa rete nel primo trimestre del 2021, e al 30 Giugno 2022 il numero di quelli attivi era di 392. 

La completa migrazione verso la main net e le sue fasi

La migrazione di tutte le funzionalità verso la main net di The Graph dovrebbe essere completata nel primo trimestre del 2023. A quel punto il servizio di hosting centralizzato verrà completamente disabilitato e sarà possibile accedere ai dati presenti sui subgraph solamente in modo decentralizzato. Vediamo attraverso quali fasi avverrà nello specifico:

  1. Durante la prima fase, che è già iniziata all’inizio del terzo trimestre del 2022 è cessato lo sviluppo di nuovi subgraph sul servizio di hosting centralizzato. È ancora possibile aggiornare i subgraph rimasti sul servizio di hosting ma non costruirne di nuovi. Al momento ci troviamo proprio in questa fase;
  2. Nella seconda  fase, tutti gli aggiornamenti dei subgraph dovranno essere effettuati tramite Subgraph Studio, un ambiente di sviluppo isolato e sicuro creato appositamente per  testare i subgraph. Una volta testati vanno pubblicati sulla rete decentralizzata. Non sarà quindi più possibile aggiornare i subgraph presenti sul servizio di host centralizzato;
  3. Nella terza e ultima fase verranno completamente eliminati i subgraph che si trovano sul servizio di hosting centralizzato. Ciò dovrebbe avvenire entro il primo trimestre del 2023 e saranno gli ingegneri e gli sviluppatori del team ufficiale di The Graph ad occuparsene.

La decentralizzazione di tutta l’infrastruttura permetterà a chi utilizza il servizio offerto dall’ecosistema di The Graph di costruire dapp completamente decentralizzate

La collaborazione con Silicon Kruger e Good Work foundation

Uno degli ultimi progetti di The Graph si è sviluppato attraverso una collaborazione con Silicon Kruger, un centro di innovazione creato per facilitare l’accesso al Web3 ai paesi in via di sviluppo del continente africano. Silicon Kruger e The Graph hanno sviluppato il primo indicizzatore per dapp africane chiamato Index Africa. L’indicizzatore aggrega i dati delle dapp e trattiene una parte delle ricompense generate dal proprio nodo, le quali vengono poi destinate ad un programma di finanziamento per gli studenti dell’Africa rurale. Tutto ciò è possibile grazie al partner no-profit di Index Africa, la Good Work Foundation, un’organizzazione sudafricana che dal 2005 si occupa di fornire l’accesso all’istruzione a giovani studenti africani.

Gli sviluppatori riusciranno a concludere la migrazione nel tempo prestabilito? E la rete di The Graph attrarrà le applicazioni che aspirano ad essere completamente decentralizzate? Seguici per non perderti i prossimi aggiornamenti!

Altri Articoli

Scarica l’app Young Platform

Downaload From Google PlayStoreDownaload From Apple Store