News

Tutti gli NFT in onore della Regina Elisabetta II

FI
Filippo Iachello

4 min

Tutti gli NFT creati in onore della Regina Elisabetta II

Il Web3 celebra la vita di sua Maestà, scopri le collezioni NFT nate in onore della Regina Elisabetta II

La notizia della scomparsa della Regina Elisabetta II avvenuta Giovedì 8 Settembre 2022 è al centro di tutti i giornali e dei social network. Poco tempo fa, la sovrana britannica si era espressa in merito al mondo dei mercati digitali, comunicando, attraverso le parole dell’allora Principe Carlo, la volontà di adottare misure per rafforzare il piano finanziario digitale del Regno Unito. Dopo la notizia della morte della sovrana sono nate una serie di opere d’arte digitali  per rendere un sincero omaggio alla Regina, amatissima anche dal popolo del Web3. Scopri le principali collezioni NFT dedicate alla Regina Elisabetta II!

Le collezioni NFT dedicate alla Regina Elisabetta II

Le collezioni NFT dedicate alla Regina Elisabetta II create su varie blockchain tra cui Ethereum, Polygon o Binance Smart Chain sono qualche centinaio. Non solo token non fungibili, sono spuntate anche meme coin come Queen Elizabeth Inu, QueenDoge e Rip Queen Elizabeth

Come mai  tutte queste collezioni di NFT sulla Regina Elisabetta? Per alcuni potrebbe essere stato solo un modo di sfruttare la risonanza mediatica di una delle notizie più importanti del 2022, ma per la maggior parte degli artisti di digital art è stato un vero e proprio omaggio alla monarca più famosa e amata di sempre. Gli artisti digitali si sono sbizzarriti a raffigurare la Regina con stili e modalità differenti, questi token celebrativi tuttavia non sono spuntati tutti in questi giorni. C’è chi ha scelto già in passato di rappresentare la Regina e di trasporre la sua arte su blockchain, queste collezioni sono tornate ora alla ribalta. Tra queste ultime c’è QueenE DAO che si ispira alla DAO NFT Nouns di cui abbiamo già parlato all’interno dell’articolo dedicato alle 10 collezioni NFT migliori del 2022.

QueenE DAO, diventa un membro del “Parlamento Inglese”

La collezione QueenE DAO è un progetto NFT rilasciato a Luglio 2022, che segue le orme della del famoso progetto NFT Nouns DAO. Una DAO, ovvero un’Organizzazione Autonoma Decentralizzata, è un tipo di organizzazione gestita da smart contract e con una struttura decentralizzata. Nouns è una piattaforma Web3 costruita sulla blockchain di Ethereum, con l’obiettivo di costruire un progetto totalmente gestito da tutti gli utenti che possiedono gli NFT nativi del progetto stesso. Questo è possibile grazie alle votazioni periodiche a cui solamente chi possiede almeno uno degli NFT può partecipare. Nouns al momento è davvero un club esclusivo, in cui ognuno può conoscere e interagire direttamente con tutti gli utenti che fanno parte del progetto. Sono in pochi a possedere un NFT di Nouns, questi sono scarsi, uno al giorno per poco più di un anno. Vediamo come funziona! Su Nouns.wtf, la piattaforma dove si possono acquistare le opere d’arte digitale di Nouns, ogni giorno viene generato un NFT composto da alcuni tratti che vengono combinati in maniera casuale. Gli utenti che vogliono ottenere l’NFT possono “sfidarsi” a suon di offerte in Ether fino allo scadere dell’asta che avviene esattamente ventiquattro ore dopo la creazione dell’opera d’arte digitale. Tutti gli Ether raccolti dalla DAO sono conservati in un portafoglio “comune” il cui contenuto è costantemente visibile a tutti gli utenti

Il progetto QueenE rispecchia il funzionamento e l’idea di Nouns. Non avatar raffiguranti squali o unicorni, le opere d’arte digitale NFT di QueenE sono ritratti della Regina Elisabetta che mantengono lo stile pixelato. Gli NFT QueenE sono composti da sei tratti tra cui lo sfondo, il viso, l’abbigliamento, un accessorio per la testa, i gioielli e la cornice del ritratto. Questi tratti, come spesso accade nelle collezioni NFT, sono classificati per rarità. L’85% dei tratti è comune, il 10% è raro e il 5% è super raro. La rarità degli NFT sarà connessa al potere di voto all’interno della DAO. Il potere di voto verrà esercitato all’interno del parlamento QueenE suddiviso, come succede nella realtà, in due Camere. La Camera dei Comuni, composta da coloro che possiedono almeno un NFT QueenE comune, e la Camera dei Lord i cui seggi sono riservati ai possessori di NFT QueenE rari, super rari o leggendari. Gli NFT comuni garantiscono un voto per ogni NFT posseduto, mentre gli NFT rari, super rari o leggendari due voti. 

Anche la “tesoreria” di QueenE rinominata UnCommonwealth Treasury si occupa, come quella  di Nouns DAO, di gestire i fondi del progetto in modo trasparente. QueenE DAO, che era stato “dormiente” fino a qualche giorno fa, ha visto un incremento dei volumi delle vendite in occasione della scomparsa dell’iconica monarca. L’amore del popolo Web3 per la compianta Regina Elisabetta II trionferà? Di sicuro le collezioni NFT nate per celebrare la sovrana rimarranno nel tempo come ricordo indelebile inciso su blockchain.

Altri Articoli

Prezzo Bitcoin: perché è salito? Anche Ethereum al rialzo
Mercato NFT di Novembre: scendono i prezzi ma si continua a comprare
Fantom crypto: il prezzo sale del 40% grazie a Andre Cronje

Scarica l’app Young Platform

Downaload From Google PlayStoreDownaload From Apple Store